Turismo Profumalchemico da Modena “in volo” a Carpi
(Prima Pagina News) Il primo dei tre appuntamenti , ideati e condotti dal Naso Anna Rosa Ferrari, nell’ambito dell’Estate Modenese, si apre con una nuova esperienza di turismo che condurrà col treno locale – per Carpi Suzzara Mantova si cambia… – alla scoperta del centro storico di Carpi con l’intento di vivere i luoghi d’arte e i simboli della città tramite l’interazione dei sensi, guidati dall’olfatto Ai turisti durante il percorso verrà offerta la possibilità di profumare l’aria della città, un’azione per diffondere sia simbolicamente che realmente pensieri positivi nel cuore del luogo visitato, diffondendo buona energia col profumo. L’iniziativa sensoriale, già collaudata da anni nel cuore di Modena, e che per la prima volta viene esportata a cura della associazione culturale Perfvmvm Avia Pervia Rinascimento Olfattivo e Spirituale, con il patrocinio del Comune di Modena e del Quartiere Centro Storico, si svolgerà domenica pomeriggio 28 giugno. Partenza ed arrivo in Piazzale Torti 9 per gli abitanti del centro. Per tutti appuntamento in Stazione Ferroviaria a Modena alle ore 15. A Carpi dove si arriverà alle ore 15.22 i Carpigiani che lo desiderano potranno unirsi al gruppo turistico profumalchemico alla scoperta o riscoperta di scorci significativi della propria città, che saranno svelati via via durante il percorso. “In pratica un salotto culturale itinerante che nasce dall’intento di creare collegamenti tra le realtà del nostro territorio – spiega Anna Rosa Ferrari – Non a caso uno dei simboli a cui ci richiamiamo è il tipico colombo modenese, il Triganino, utilizzato fin dall’antichità per portare messaggi. Infatti la filosofia dell’amare tramite il respiro, che è all’origine degli eventi profumalchemici , è sorta con l’intento di partire in volo da Modena per portare nel mondo un messaggio profumato di buona energia e rinascita. Mi è parso significativo quindi dedicare la nostra prima uscita ufficiale a Carpi, sia perchè è la città in cui sono nata, sia perchè il progetto profumalchemico ha ricevuto l’anno scorso un significativo riconoscimento dalla fondazione Fides et Labor voluta da sua eccellenza Monsignor Francesco Cavina, vescovo della città”.

Leave a Reply